Codes | Codici

 

 

In questo progetto si esplorano i codici che usiamo per rappresentare il mondo, con lo scopo di ricercare la realtà “vera” dietro quella “illusoria”; da millenni infatti l’umanità, in occidente e in oriente, ha l’intuizione che possa esistere una realtà diversa da quella che i nostri sensi ci riportano direttamente e quotidianamente.

Il linguaggio pittorico sviluppato inizialmente nel progetto “Anima Mundi” diventa in questo progetto uno strumento con cui esplorare le diverse rappresentazioni o codici della realtà, iniziando da quella più basilare di tutti: la geometria, la parte della matematica che studia lo spazio in cui viviamo.

La geometria ha da sempre un posto nelle arti visive attraverso la rappresentazione delle sue “figure”: ma in questo caso essa stessa diventa l’oggetto della ricerca pittorica, in quanto i diversi simboli e codici che propone per rappresentare la realtà vengono combinati in maniera rigorosa: oggetti reali, rappresentazioni geometriche, formule matematiche, oggetti animati, si rispecchiano l’uno nell’altro, e ci spingono a chiedere: cos’è il simbolo e che cos’è l’oggetto “reale”?

Questi lavori ci suggeriscono di abbandonare i nostri pregiudizi, le “caselle” mentali che usiamo per classificare le cose in scompartimenti separati: il mondo reale, la geometria, la fantasia. Quando guardiamo una sfera di cristallo pensiamo alla magia o alla geometria? Una possibile etimologia della parola greca sphaîra viene dalla radice sphar-, che significa vibrare, guizzare, muoversi tremolando, e così guizzano in questa pittura i simboli, gli oggetti e i loro codici e ci spingono a chiederci: qual è il vero nome della sfera? Qual è il vero nome delle cose?

Approfondimenti:

Sfera

Teodora

Solidi 1

Sfere

Coni e Sfere